La cosa da cui iniziare se si vuole imparare il polacco e’ sicuramente la pronuncia (che non e’ la stessa cosa dell’alfabeto).

Infatti, sapendo come si pronunciano le parole potremo imparare il resto molto, molto piu’ velocemente, e se necessario farci addirittura capire fin da subito (leggendo da una nota o Google Translate, ad esempio).

Pronunciare il polacco e’ super-facile

dziewczyna

L’ammasso di consonanti di cui sopra e’ come si dice ragazza in polacco.

Sembra completamente folle, ma per fortuna–proprio come l’italiano–il polacco si legge come si scrive. Una volta imparate le regole, quindi, anche parole apparentemente impossibili da pronunciare diventano semplici.

Accento

L’accento e’ virtualmente sempre sulla penultima sillaba.

Questo e’ un altro aspetto che rende piu’ semplice capire come si pronuncia una parola.

Vocali

Le vocali sono sempre aperte.

  • A – uguale all’italiano
  • E – aperta, come la e in cervo.
  • I – uguale all’italiano
  • O – aperta, come la o in notte.
  • U -uguale all’italiano

NOTA: in polacco ci sono altre vocali, ma in questo caso stiamo esaminando vocali dell’alfabeto italiano.

Suoni

Per capire come pronunciare le parole bisogna imparare tutti i possibili suoni, e le relative lettere o gruppi di lettere a cui corrispondono.

Una volta che li abbiamo imparati tutti bastera’ identificarli all’interno della parola da pronunciare, che suddivideremo nei vari suoni che conosciamo per capire come pronunciarla correttamente.

NOTA: ci sono alcune differenze di pronuncia che vengono ignorate, qui, ma inizialmente sono virtualmente impercettibili e tutti capiranno ugualmente.

Lettera/e Pronuncia Esempi
a Uguale all’italiano (ex. ain ancora) praca (lavoro)
lampa (lampada)
ą o nasale.

All’interno di una parola si pronuncia come la parola on in on/off, oppure come le lettere on in console

Se e’ l’ultima lettera si pronuncia come una normale a aperta.

NOTA: non fondamentale, ma per completezza: si pronuncia om quando si trova prima di una b o p, si pronuncia o quando si trova prima di una ł.

dokąd (verso dove)
dotąd (finora)
b Uguale all’italiano. bilet (biglietto)
kobieta (donna)
c Come le letterezz in ragazza, z in azione tablica (lavagna)
centrum (centro) 
ch h aspirata (simile all’inglese) chomik (criceto)
brzuch (stomaco)
ci- Uguale all’italiano (ex. ciao) ciocia (zia)
cz Come c in ciao, c in noce czas (tempo)
cześć (ciao)
ć Uguale a cz. ćma (falena)
podnieść (alzare)
d Uguale all’italiano.
dz Come le letterezz in azzurro jedzenie (cibo)
dzwon (campana)
dzi Come le letteregi in giraffagioco dziecko (bambino)
Uguale a dzi dźwięk (suono)
źdźbło (lama)
Uguale a dzi dojeżdżać (to arrive)
dżem (jam)
e Uguale all’italiano (ex. e in eco, merito) następnie (prossimo)
ę e nasale.

All’interno di una parola si pronuncia come le lettere en in intendere, efficiente.

Se e’ l’ultima lettera si pronuncia come una normale e aperta.

NOTA: si pronuncia come em se appare prima di una b or p.

chętnie (volentieri)
głęboki (profondo)
f Uguale all’italiano.
g g dura, come g in gonna, gola. gips (gesso)
h h aspirata (simile all’inglese)
i Uguale all’italiano. ulica (via)
świnia (maiale)
j Uguale alla i. jeden (uno)
k Come la k in inglese, c in cavolo, etc. kobieta (donna)
l Uguale all’italiano. ból (dolore)
żal (pieta’)
Ł ł Come u in uovo, uomo łosoś (salmone)
mgła (fog, mist)
m Uguale all’italiano.
n Uguale all’italiano.
ń Come gn in legnoñ nella parola spagnola mañana kwiecień (aprile)
południe (sud)
ni- Uguale a ń
o Uguale all’italiano (ex.: o in notte) dobry (buono)
blisko (vicino)
ó Come una normale u, ex. u in uguale, muso móc (riuscire a)
góra (collina)
p Uguale all’italiano.
r Uguale all’italiano. gorąco (caldo)
Wrocław
rz Come j nella frase francese je suis rzeka (fiume)
narzeczona (fidanzata)
s Uguale all’italiano (ex. s in sonno, Sicilia). syn (figlio)
pisać (scrivere)
sz Come le letteresc in sciarpa, sciabola. dusza (anima)
nasz (nostro)
ś Simile a sz coś (qualcosa)
śmiech (risata)
si- Simile a sz siostra (sorella)
t Uguale all’italiano.
u Uguale all’italiano. usta (labbra)
ulica (via)
w Uguale alla v in italiano wyspa (isola)
pierwszy (primo)
y i breve (come i nella parola inglese bit) syn (figlio)
cytryna (limone)
z Come s in casa / sveglia zegar (orologio)
zi- Uguale a rz (come j in je suis).
ź Uguale a rz (come j in je suis). źle (malamente)
październik (ottobre)
ż Uguale a rz (come j in je suis). żona (moglie)
żółty (giallo)

Ricordarsi tutte le z

La cosa piu’ difficile da superare per imparare tutti i suoni in polacco e’ ricordasi la differenza tra le varie 9 (nove, WTF!) versioni del suono z che hanno.

Se le raggruppiamo per come suonano pero’ possiamo ridurre a 3 gruppi:

1) come la j in je suis

La maggior parte delle z vengono pronunciate in questo modo.

  • zi
  • ź
  • ż
  • rz

2) come le lettere gi in giraffa

Se nel gruppo di lettere c’e’ una d, la pronuncia e’ come le lettere gi in giraffa, a meno che non sia dz.

  • dzi

3) come la s in sveglia

Queste sono le z “normali”, pronunciate come la s in sveglia.

  • dz
  • z


Fonti

https://en.wikibooks.org/wiki/Polish/Polish_pronunciation
http://www.skwierzyna.net/sounds.pdf